Riduzione del costo dell'energia termica del 50% all'anno. Gli abitanti di un condominio a Zagabria risparmiano calore e soldi grazie alla contabilizzazione del calore e al rinnovamento energetico. Tutto a costo zero per i residenti.

Risparmio di calore a costo zero

SFIDA - Aiutare un vecchio edificio a migliorare le sue prestazioni energetiche e consentire agli inquilini di pagare solo per il proprio consumo di energia termica

SOLUZIONE

  1. Montare ripartitori dei costi del calore Brunata e valvole termostatiche in ogni appartamento; installare valvole di bilanciamento, regolatori di pressione e la rete Brunata Net negli spazi comuni
  2. Un rinnovamento energetico completo

RISULTATO - Riduzione del costo dell'energia termica del 50% all'anno

Grazie alla contabilizzazione individuale dei costi del riscaldamento e al rinnovamento energetico, un vecchio caseggiato ha ridotto notevolmente le spese per l'energia termica.

***

LAVORI SULL’IMPIANTO DI RISCALDAMENTO CENTRALE

L’edificio di Uliza Vincenta iz Kastva 2, a Zagabria, ha una prestazione termica complessivamente scarsa e un consumo energetico molto elevato. L'edificio è caratterizzato dalla presenza di un sistema di riscaldamento centralizzato, con una termostazione situata in un unico locale all'interno dell'edificio con calore distribuito da un sistema di tubazioni verticali verso i singoli radiatori. I lavori sull'impianto di riscaldamento sono stati effettuati a maggio 2012 e hanno coinvolto:

  • In ogni unità abitativa: posizionamento di contabilizzatori Brunata Futura Heat; valvole termostatiche; teste termostatiche e detentori;
  • Valvole di bilanciamento e regolatori di pressione differenziale: collocati nella sala termica. Inoltre, è stato installato nell'edificio il sistema di lettura remoto Brunata Net.

Nessun esborso di denaro è stato richiesto ai condòmini, tutti i lavori sono stati pagati con la cassa comune.

BILANCIAMENTO IDRAULICO: UNA CHIAVE PER IL SUCCESSO

In un edificio con riscaldamento centralizzato le operazioni di bilanciamento idraulico sono un aspetto fondamentale. Ciò significa fornire a ogni tubo verticale la pressione e il volume necessari per il riscaldamento dell'acqua, in modo dinamico. Con l'installazione delle valvole termostatiche sui radiatori ciascun utente può ridurre o aumentare la richiesta di acqua calda nei radiatori. Il flusso di acqua calda nei tubi verticali non è più costante come in passato, quindi il bilanciamento idraulico è la chiave per avere il sistema di riscaldamento perfettamente funzionante e assicurare a ogni condòmino il comfort desiderato. Un circuito ben bilanciato impedisce inoltre alle pompe di lavorare troppo (con conseguente maggior consumo elettrico) e riduce i problemi legati al rumore a causa di una pressione eccessiva.

Per quanto riguarda i risultati, i MWh totali utilizzati negli appartamenti prima dei lavori erano 529 MWh, dopo i lavori 315 MWh, con un taglio di 214 MWh nel consumo di energia, corrispondente a una diminuzione del 40,45% di MWh.

RINNOVAMENTO ENERGETICO COMPLETO

Nel 2016, il condominio ha approvato altre opere di rinnovamento energetico. Il consumo di energia per il riscaldamento è risultato di 529 MWh prima di qualsiasi lavoro, 315 MWh dopo i lavori sull'impianto di riscaldamento e 243 MWh dopo il rinnovamento energetico. I risparmi ottenuti dal rinnovamento energetico dell'edificio sono dunque un ulteriore 23% rispetto ai risparmi già ottenuti con i lavori sull'impianto di riscaldamento. Il consumo totale è stato ridotto del 54% rispetto alla condizione iniziale. Le cifre relative al denaro speso e risparmiato sono ugualmente significative:

 I risparmi sui costi di riscaldamento dopo il primo lotto di lavori sono stati intorno al 30,17%. L'ulteriore diminuzione grazie al rinnovamento energetico corrisponde a un ulteriore 19,77%, per un totale del 49,94%. Ciò significa che i costi sono diminuiti di oltre 8.000 euro all'anno. Inoltre, il condominio ha ottenuto una diminuzione dei costi della potenza erogata.